Educazione ambientale in piazza, riparte “CircOLIamo” Da Genova a Trieste, un lungo viaggio all’insegna della difesa e del rispetto dell’ambiente: “CircOLIamo”, la campagna informativa itinerante ideata dal Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati, riparte il 3 maggio e fino al 29 maggio raggiungerà tutte le principali città di Liguria, Valle d’Aosta, Piemonte, Trentino-Alto Adige e Friuli Venezia Giulia.
Vai ai giochi

News

Educazione ambientale in piazza, riparte “CircOLIamo”

categoria: Giovedì 06/04/2017
Riparte CircOLIamo

Da Genova a Trieste, un lungo viaggio all’insegna della difesa e del rispetto dell’ambiente: “CircOLIamo”, la campagna informativa itinerante ideata dal Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati, riparte il 3 maggio e fino al 29 maggio raggiungerà tutte le principali città di Liguria, Valle d’Aosta, Piemonte, Trentino-Alto Adige e Friuli Venezia Giulia. 

Organizzata dal COOU con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e di ANCI, la campagna è incentrata sulla corretta gestione dell'olio lubrificante usato e punta a promuovere, attraverso un’azione capillare, il dialogo con i cittadini e le istituzioni locali. All’interno di strutture gonfiabili leggere - che si trasformeranno in sala conferenza e in sala giochi per gli studenti – il team del Consorzio incontrerà le istituzioni, i media locali, la business community e il mondo della scuola. Il progetto si lega a un’iniziativa “storica” del COOU: il primo “CircOLIamo” fu realizzato nel 1994 e questa edizione è la prima campagna a zero emissioni, perché la quantità di CO2 generata sarà compensata attraverso interventi di forestazione in grado di assorbire la CO2 immessa in atmosfera; attraverso il portale www.circoliamo2017.it e l’hashtag #circoliamo2017 è inoltre possibile seguire ogni tappa della campagna.   

Gli oli lubrificanti usati, i rischi per l’ambiente, l’importanza del riciclo dei rifiuti pericolosi e le opportunità per l’economia locale sono i temi delle conferenze stampa che vedranno la partecipazione dei responsabili del Consorzio e delle autorità regionali, provinciali e comunali. In ogni tappa il team di CircOLIamo incontrerà i ragazzi delle scuole del territorio, che parteciperanno agli educational loro dedicati e si sfideranno a “Green League”, il progetto che prevede un sistema di giochi online finalizzati all’educazione ambientale.

Grazie al lavoro del Consorzio, attivo dal 1984, in Italia si recupera la quasi totalità  dell'olio usato raccoglibile. “La piccola parte che sfugge ancora alla raccolta – spiega il presidente Paolo Tomasi – si concentra soprattutto nel ‘fai da te’: per intercettarla abbiamo bisogno del supporto dalle amministrazioni locali per una sempre maggiore diffusione di isole ecologiche adibite anche al conferimento degli oli lubrificanti usati di provenienza domestica, e di sensibilizzare al contempo gli operatori dell’informazione e i cittadini sui danni ambientali derivanti da uno smaltimento scorretto di questo rifiuto pericoloso”.

share

Altre News

Inquinamento marino

Un mare di plastica minaccia le foche e gli orsi polari

Martedì 09/05/2017

Un team di biologi spagnoli ha scoperto che a causa delle correnti stiamo letteralmente seppellendo gli orsi polari e le foche che popolano la Groenlandia con un mare di buste e bottiglie.

Scuole a CircOLIamo

I bambini sono più “green” degli adulti: lo certifica l'associazione “Family Smile”

Martedì 02/05/2017

Il futuro? E’ nelle mani dei bambini, gli adulti di domani. Lo ha certificato l'associazione Family Smile, che indaga e studia il mondo degli adolescenti e dei bambini; il 22 aprile scorso in occasione dell’Earth Day, la Giornata della Terra promossa dalle Nazioni Unite, l’associazione ha reso noti i risultati di una ricerca sulle aspettative dei bambini sul tema dell'ambiente in alcune classi di istituti romani.

Italiani e sostenibilità

Italiani e sostenibilità, un binomio che si rafforza

Mercoledì 26/04/2017

Dalle evidenze del 3° Osservatorio nazionale sullo stile di vita sostenibile presentato da LifeGate a Milano, appare chiaro come i nostri connazionali abbiano sempre più a cuore il tema dell’impatto ambientale del proprio stile di vita e quindi della sostenibilità dei consumi.