eLabel!, la multietichetta ecologica che rivela l’impatto ambientale di ciò che compriamo eLabel!, la multietichetta ecologica che rivela l’impatto ambientale di ciò che compriamo
Vai ai giochi

News

eLabel!, la multietichetta ecologica che rivela l’impatto ambientale di ciò che compriamo

categoria: Lunedì 12/02/2018
eLabel!, la multietichetta ecologica che rivela l’impatto ambientale di ciò che compriamo

Un’etichetta con le informazioni utili per conoscere il risultato che le proprie scelte di acquisto avranno sull’ecosistema. Si chiama eLabel!, il nuovo strumento che risponde alle domande essenziali riguardo l’impatto dei prodotti che comperiamo. Quante e quali risorse rinnovabili sono state utilizzate nel processo di produzione? La filiera è verde? fornitori? Le merci che riporteranno la targhetta avranno una tabella informativa con dati che descriveranno nel dettaglio l’impatto sull’ambiente. Il principio è analogo a quello che portò alla pubblicazione dei valori nutrizionali sui prodotti alimentari: allora la finalità fu quella di rendere trasparente la loro composizione, oggi invece è quella di chiarire i loro effetti, i risultati che avranno una volta consumati. Grazie a questo innovativo sistema di multietichette, i consumatori saranno messi nelle condizioni di poter optare per la scelta ecologicamente più sostenibile, che sarà in grado di garantire un ridotto impatto in termini di consumo di risorse naturali e inquinamento. Naturalmente, le schede di eLabel! saranno calibrate in base alle tipologie di prodotto: un elettrodomestico avrà informazioni differenti rispetto ad un pacchetto di biscotti, ad esempio. In particolare, sarà questa la ripartizione:

- prodotti finiti destinati al consumatore finale particolarmente attento a ciò che acquista;

- prodotti di largo consumo con una fetta di mercato medio-grande e un considerevole numero di stakeholder, come l’acqua in bottiglia;

- prodotti con un notevole impatto ambientale (in carta e cartone, alimentari che richiedono notevoli consumi di acqua come prodotti in vetro, pane e pasta, notevolmente energivori);

- prodotti che utilizzano materiale riciclabile (bicchieri o piatti in plastica monouso);

- prodotti di origine organica, per i quali è auspicabile incrementare il livello di biodegradabilità o compostabilità.

 

 

 

share

Altre News

E’ arrivato in Italia TEDxYouth

E’ arrivato in Italia TEDxYouth

Lunedì 19/02/2018

E’ arrivato in Italia TEDxYouth! L’evento organizzato da e per i giovani, con l’obiettivo di favorire una concezione positiva e un uso costruttivo della rete

Obiettivo UE efficienza energetica del 2020: l'Italia riduce consumi più della media europea

Obiettivo UE efficienza energetica del 2020: l'Italia riduce consumi più della media europea

Venerdì 16/02/2018

Obiettivo dell’Unione Europea per il 2020, rispetto al consumo energetico dei Paesi membri, è di ridurre il consumo interno del 20%

Torna l’allarme per gli Oceani: trovate grandi quantità di microplastiche

Torna l’allarme per gli Oceani: trovate grandi quantità di microplastiche

Mercoledì 14/02/2018

Questa volta a pagare il prezzo dell’inquinamento marino da microplastiche è l’Oceano Indiano